MARZO MESE DELLA PREVENZIONE: PROFILO LIPIDICO

Il profilo lipidico è un insieme di analisi del sangue utili a rilevare la concentrazione di alcuni grassi o lipidi fondamentali per il corretto funzionamento del nostro organismo.

La conoscenza di questi parametri è molto importante per avere una stima del grado di predisposizione a sviluppare malattie cardiovascolari è anche utile per monitorare l’efficacia di una terapia a base di farmaci  ipolipidemizzanti.

L’esame riguarda la valutazione di:

  • colesterolo totale
  • colesterolo HDL
  • colesterolo LDL
  • trigliceridi

Risulta quindi importante definire oltre al valore del Colesterolo totale anche i livelli di Colesterolo HDL, LDL e dei Trigliceridi nella valutazione di routine  del quadro lipidico; in questo modo da avere una visione più ampia della situazione e sulla necessità di quali parametri debbano essere modificati per ottenere un miglioramento del profilo di rischio.

COLESTEROLO TOTALE, HDL E LDL

Si sente spesso parlare di colesterolo buono e colesterolo cattivo, in realtà il colesterolo è unico. Quello che cambia è il comportamento che questa molecola ha quando si sposta nei nostri vasi sanguigni: essendo un grasso il colesterolo non è in grado di circolare liberamente nel sangue ma viene accompagnato da due proteine che lo rendono idrosolubile.

Queste proteine sono le LDL e le HDL:

  1. LDL (low density lipoprotein) sono lipoproteine a bassa densità che servono per trasportare principalmente il colesterolo ai tessuti. Sono denominate “colesterolo cattivo” perché facilitano la permanenza del colesterolo all’interno dei vasi favorendo la formazione delle placche arterosclerotiche.
  2. HDL (high density lipoprotein) sono le proteine ad alta densità, sono deputate al trasporto del colesterolo dai tessuti periferici al fegato dove viene metabolizzato. Attuano il cosiddetto trasporto inverso e vengono chiamate “colesterolo buono”.

E’ importante mantenere il giusto equilibrio tra i due tipi di lipoproteine presenti all’interno dei nostri vasi, è auspicabile mantenere bassi livelli di colesterolo LDL contrapposti ad alti livelli di colesterolo HDL. I due valori possono essere messi in relazione per una stima del rischio cardiovascolare.

 

Colesterolo LDL/Colesterolo HDL
Rischio Cardiovascolare Uomini Donne
Medio basso 1 1.47
Medio 3.55 3.22
Moderato 6.35 5.0
Molto alto 8 6.14

In linea generale sono desiderabili valori bassi di colesterolo totale e colesterolo LDL perché un loro eccesso nel sangue rappresenta un indice di rischio per ictus ed infarto in quanto favoriscono la formazione di placche aterosclerotiche. Al contrario, valori di Colesterolo HDL elevati sono considerati un fattore di protezione per cuore o arterie, mentre livelli sotto soglia sono un  fattore di rischio per la comparsa di malattie cardiovascolari.

TRIGLICERIDI

I trigliceridi sono tra le principali fonti di energia per il nostro organismo. La quota di trigliceridi presente nel sangue, definita trigliceridemia, è normalmente compresa tra i valori di 50 e 150/200 mg/dl.

Un’ipertrigliceridemia è un importante fattore di rischio per gravi eventi cardiovascolari come aterosclerosi e per pancreatite. Diventa quindi fondamentale mantenere i trigliceridi all’interno dei valori limite tramite l’adozione di uno stile di vita sana e un regime dietetico all’insegna della buona salute.

 

Per tutto il mese di marzo in Farmacia Lancini a soli €15 potrai analizzare il profilo lipidico, misurare la glicemia e la pressione arteriosa.

Prendi il tuo appuntamento! Contattaci

Vieni a scoprire le offerte nella nostra farmacia e la soluzione più adatta alle tue esigenze!

Menu